Intervista a Stefania Niccolini, autrice di The Long Road

Il Topo di Ludoteca ha intervistato in esclusiva Stefania Niccolini che ci parla di The Long Road, dell’espansione di Railroad Revolution e di altri progetti.

L’ho detto e lo ripeto: nel mondo del game design le donne sono poche ma buone e in Italia abbiamo la fortuna di poterne annoverare alcune davvero di classe! Una di queste è Stefania Niccolini, autrice, insieme al marito Marco Canetta, di titoli del calibro di ZhanGuo e Railroad Revolution. In occasione di LuccaComics&Games hanno presentato il loro nuovo gioco, The Long Road, edito da uplay.it, un gioco di carte ambientato nel Far West, molto divertente e solo apparentemente semplice.

Proprio a Lucca ho avuto l’occasione di conoscerli di persona e di provare The Long Road, di cui vi parlerò in uno dei prossimi articoli. Oggi invece potete scoprire cosa ci ha raccontato questa simpaticissima game designer.

The Long Road - Stefania Niccolini
The Long Road

Ciao Stefania, com’è nata l’idea per The Long Road?

Sembrerà incredibile, ma è passato talmente tanto tempo che sia io che Marco lo abbiamo praticamente dimenticato. Ci sono giochi di cui ricordiamo il momento esatto in cui è scattata la scintilla iniziale, come per Rhein River Trade, quando in vacanza lungo la ciclabile del Reno in bicicletta, con i figli vedevamo chiatte, treni e auto passarci accanto. In altri casi, invece, il ricordo si perde nei meandri del passato, fra le decine di prototipi di cui solo una parte è arrivata alla pubblicazione.

LEGGI ANCHE...
The Dicetroyers: L'Ordine dell'ordine - Intervista

Quanto è durato il processo di sviluppo del gioco?

La prima versione di The Long Road credo, ma non garantisco, che risalga al 2010. Era incentrata prevalentemente suoi luoghi e sulle direzioni per raggiungerli. Poi, come accade per tanti altri nostri prototipi, dopo una prima fase di playtesting poco convincente, è rimasto per un bel po’ a fermentare nel cassetto. Quando poi lo abbiamo ripreso a distanza di tempo, sono arrivati i personaggi (all’inizio solo 7, uguali per tutti i giocatori) e il gioco ha preso la piega che ha portato alla versione finale. È cambiato così tante volte che molti di coloro che hanno giocato le varie versioni del gioco ora stenteranno a riconoscerlo. Sarà un po’ come aver visto un bambino piccolo ancora col ciuccio e incontrarlo poi ormai adulto, con barba e peli sul petto.

The Long Road

Tu e Marco siete una coppia nella vita e siete anche colleghi. Come funziona la vostra collaborazione nella creazione di un nuovo gioco?

Io e Marco abbiamo indole e modi di approcciare il gioco completamente diversi. Tanto pragmatico è lui, quanto sognatrice sono io. Lui matematico, io fantasiosa. I nostri giochi si trovano a metà strada fra me e lui. In genere infatti nascono da un’idea estemporanea che viene sviluppata insieme: dove lui alza il tiro, io abbasso; dove lui mette funzioni matematiche complesse e arsenali bellici, io metto somme o, al massimo, sottrazioni e fiorellini. In The Long Road, ad esempio, le armi sono solo uno spauracchio. Probabilmente sono tutte scariche, ma l’importante è che gli altri giocatori non lo sappiano. E, comunque, non ci sono mai feriti, se non nell’orgoglio.

LEGGI ANCHE...
Intervista ad Alessandro Montagnani, autore di Creepy Falls

Dopo tutto questo tira e molla creativo e molti cambiamenti, se va bene (e purtroppo non sempre accade), arriviamo a un gioco presentabile agli editori.  Se poi va ancora meglio, addirittura alla pubblicazione.

Attualmente avete all’attivo diversi titoli di successo, come ZhanGuo e Railroad Revolution. C’è un obiettivo che sentite di aver raggiunto? E cosa invece vorreste raggiungere in futuro?

Per noi, veder pubblicati i nostri giochi è già un successo. Il problema è che, come dice il detto, l’appetito vien mangiando e, ogni volta che un nostro gioco vede la luce, la voglia di far sempre meglio aumenta. E non solo di far meglio, ma di essere ancor più parte del fantastico mondo dei giochi. Sarebbe meraviglioso un giorno riuscire a fare di questa passione un lavoro a tempo pieno. Chissà… ovviamente, se per caso riuscissimo ad azzeccare un gioco da un numero esorbitante di copie vendute sarebbe decisamente più facile (sognare non costa nulla) 🙂

Railroad Revolution - Stefania Niccolini
Railroad Revolution

A proposito di Railroad Revolution, ci puoi anticipare qualcosa sull’espansione e su quando uscirà?

L’espansione di Railroad Revolution sarà una super espansione che consterà di diversi grossi moduli, giocabili singolarmente o insieme, e dovrebbe uscire nel 2019. Ci dovrebbe essere addirittura il modulo per giocare in solitaria, di cui non posso ancora anticipare molto, ma che sappiate è una “figata pazzesca”, come direbbe un nostro caro amico.

LEGGI ANCHE...
Forum Trajanum - Recensione

Avete altri progetti per il futuro?

Se tutto va secondo i piani, il 2019 dovrebbe portare, oltre all’espansione di Railroad Revolution, anche quella di ZhanGuo, sempre con What’s Your Game? e un piccolo gioco roll and write targato ThunderGryph Games. Abbiamo inoltre altri prototipi per i quali io e Marco stiamo incrociando le dita ben strette, nella speranza un giorno di arrivare alla pubblicazione.

Non so voi, ma io non vedo l’ora di intavolare queste succulente novità! Auguriamo a Stefania e Marco di realizzare numerosi altri progetti per poter continuare a divertirci con i loro bellissimi giochi!

Acquista The Long Road direttamente dall’editore, uplay.it

Barbara Parutto

Fin da bambina Barbara è stata una grande appassionata di giochi da tavolo ed è cresciuta con i classici degli anni '80 e '90. Con il suo compagno ha iniziato a giocare a Magic e da lì al loro primo boardgame il passo è stato breve. Hanno una collezione di circa 300 giochi.Il topo di ludoteca è nato nella scatola di un gioco da tavolo, dove di notte si ritira per dormire. È molto curioso e ogni volta che vede un gioco nuovo gli fremono i baffi per la voglia di provarlo.