Recensioni

Kutna Hora – Recensione

Kutna Hora è una città della Repubblica Ceca la cui rilevanza storica è legata alle miniere d’argento che hanno portato ricchezze al Regno di Boemia e allo sviluppo della città, che ha vissuto un lungo periodo di crescita e prosperità. In questo gioco partecipate allo sviluppo di Kutna Hora facendo erigere edifici e sviluppando l’attività di estrazione mineraria attraverso la selezione di carte azione. Il gioco è stato ideato da Ondrej Bystron, Petr Caslava e Pavel Jarosch, pubblicato da Czech Games Edition e portato in Italia da Cranio Creations.

Panoramica del gioco

Una partita a Kutna Hora è composta da cinque round in 4 giocatori e sei in 2-3 giocatori. All’inizio di ogni round, eccetto l’ultimo, viene rivelata una carta evento i cui effetti si applicano al termine del round. Inoltre, la maggior parte degli eventi fa aumentare le tasse che i giocatori devono pagare al termine di ogni round, pena una perdita di reputazione, crescente con il progredire del gioco. La reputazione è rappresentata da un tracciato sulla plancia del giocatore. Più si avanza su questo tracciato, più si ottengono punti a fine gioco, nonché benefici in-game molto vantaggiosi. Se invece si arretra troppo, si perdono punti a fine partita.

Kutna Hora

I giocatori hanno a disposizione 6 carte azione ciascuno, uguali per tutti. Le azioni consentono di:

  • reclamare un lotto di terreno di Kutna Hora (una casella) su cui costruire un edificio in seguito;
  • reclamare i diritti di costruzione di un edificio, prendendo la relativa tessera e pagando le monete necessarie;
  • costruire un edificio (per farlo bisogna avere la tessera e il lotto prenotato);
  • costruire una miniera;
  • costruire un pezzo della Cattedrale di Santa Barbara ottenendo il beneficio indicato;
  • ottenere rendite;
  • azione jolly: consente di svolgere una qual­siasi delle azioni precedenti spendendo un punto reputazione.
LEGGI ANCHE...  Golem - Recensione

Ogni carta azione rappresenta due azioni diverse. Nel corso del round i giocatori utilizzano un totale di cinque carte su sei e possono effettuare una sola azione per ciascuna carta.Questo fa sì che la scelta delle azioni da svolgere risulti altrettanto importante di quella delle azioni a cui si decide di rinunciare e richiede un’attenta pianificazione del round per non trovarsi a corto di azioni o denaro al momento cruciale.

Kutna Hora 3

In Kutna Hora ci sono sei tipi di risorse diverse, ma i giocatori avranno fisicamente solo monete. Le altre risorse sono virtuali, rappresentate da un mercato che ne indica il costo/valore.  Gli edifici e le miniere si costruiscono con il legno. Si paga quindi un totale di monete pari al numero di legno indicato sull’edificio moltiplicato per il valore attuale del legno. È quindi importante sfruttare le fluttuazioni di mercato in modo da risparmiare ove possibile. Anche il costo dei lotti è variabile, e uno dei vantaggi di una reputazione elevata è di ridurlo sempre a una moneta. L’altro vantaggio è poter usare l’azione jolly senza perdere reputazione.

Kutna Hora 6

Gli edifici sono di due tipi: produttivi e pubblici. Dei sei tipi di edifici presenti nel gioco, ciascun giocatore ne può costruire solo tre, determinati da un draft di tessere a inizio partita. Ogni edificio costruito consente di ottenere una quantità variabile della risorsa che produce, che il giocatore segna sul tracciato corrispondente e che userà per ottenere rendite. Inoltre, ci piazza sopra una propria casetta presa dalla plancia del giocatore, sbloccando bonus e punti vittoria.

La Cattedrale di Santa Barbara nel gioco e nella realtà. Foto di ladybugmeeple

Gli edifici pubblici non danno risorse, bensì altri vantaggi (PV, reputazione, gettoni Pellicano che consentono di costruire la Santa Barbara) e non ci si mettono casette sopra; attribuiscono vantaggi immediati al costruttore e punti a fine gioco agli edifici adiacenti che presentano icone corrispondenti. Gli edifici speciali sbloccano anche i segnalini Patrizio, che negli ultimi tre round di gioco attribuiscono PV per diverse condizioni, ma solo se i giocatori decidono di metterli in gioco.

LEGGI ANCHE...  Ratti di Wistar - Recensione

In Kutna Hora si fanno più punti a fine gioco che durante la partita. Se ne ottengono per gli edifici costruiti in base alle icone adiacenti, per le maggioranze nei quattro livelli della miniera, per il tracciato reputazione e per la produzione di rendite.

Materiali e grafica

La scatola di Kutna Hora è zeppa di materiali, che potete vedere qui nel nostro video di unboxing:

Complessivamente i materiali sono di ottimo livello. Le plance dual-layer sono comodissime, i minatori e gli edifici dei vari colori sono belli da vedere e ricchi di dettagli, le tessere hanno un ottimo spessore e tutti gli effetti sono descritti da icone abbastanza chiare, ma comunque ben riepilogate nel regolamento.

LEGGI ANCHE...  Oak - Recensione e tutorial

Le carte azione vengono manipolate. molto, quindi potreste volerle imbustare. Le carte Mercato, invece, stanno ben protette nei due appositi porta-mazzi che vanno assemblati prima della prima partita e sono molto robusti. Le carte Evento presentano brevi testi, in parte sull’ effetto della carta, e in parte con cenni storici su Kutna Hora. La Santa Barbara è forse l’elemento meno comodo, essendo composta da pezzi che vanno messi vicini, quindi se ci si trova a doverla spostare va rimontata da capo, ma è un processo molto veloce. Complessivamente si tratta di un gioco che vanta ottimi materiali.

Kutna Hora 5

I commenti del Topo di Ludoteca

Per noi Kutna Hora è uno dei giochi più affascinanti fra quelli usciti nella seconda parte del 2023. La meccanica di selezione delle carte è serrata e richiede una buona pianificazione dell’intero round, perché basta un errore per trovarsi senza l’azione giusta quando se ne ha bisogno. Inoltre, un buon tempismo è fondamentale. I molti modi di fare punti rendono necessario concentrarsi su tutti gli aspetti del gioco, anche se in linea di massima con gli edifici in città si ottengono più punti che con le miniere (anche se la cosa varia di partita in partita). 

Kutna Hora 4

Il mercato variabile è uno degli aspetti più particolari di Kutna Hora; è costituito da due mazzi di carte che indicano l’andamento dei valori delle varie risorse, simulando le fluttuazioni di mercato in una città in crescita. In generale i prezzi tendono a salire nel tempo, ma quando viene costruito un edificio che produce una certa risorsa, questa diventa maggiormente disponibile, con un conseguente calo di prezzo a breve termine. Inoltre, se una certa tipologia di edificio viene trascurata, la città la costruisce automaticamente dopo un certo tempo, eliminando una tessera dal gioco.

Kutna Hora 7

Anche il sistema di slittamento degli edifici è ingegnoso e fa sì che si debba approfittare il più possibile dei momenti propizi per risparmiare, in un titolo in cui all’inizio la disponibilità di soldi è limitata e in cui le prime rendite sono bassine. Una buona gestione economica è quindi fondamentale, ma bisogna anche saper cogliere il momento in cui una spesa ingente può essere vantaggiosa. Insomma, Kutna Hora è un gioco ricco di sfide, che richiede continue scelte e uno sviluppo attento e previdente della propria strategia di gioco.

LEGGI ANCHE...  Galileo project - Recensione

Per concludere, vi lascio un piccolo spunto. I nostri amici Ottavia e Cesar, alias ladybugmeeple, hanno un profilo Instagram molto curato dedicato ai giochi da tavolo. Ispirati dall’ambientazione di questo titolo, sono andati a Kutna Hora per visitare la città e giocare il gioco nell’ambiente a cui è ispirato. Su BGG trovate il racconto del loro viaggio (in inglese) corredato da splendide foto.  

Kutna Hora

8.6

Esperienza di gioco

9.0/10

Materiali e grafica

8.5/10

Rigiocabilità

8.2/10

Pro

  • Spunti originali e interessanti
  • Materiali bellissimi
  • Gioco stretto che richiede molta pianificazione

Barbara Parutto

Fin da bambina Barbara è stata una grande appassionata di giochi da tavolo ed è cresciuta con i classici degli anni '80 e '90. Con il suo compagno ha iniziato a giocare a Magic e da lì al loro primo boardgame il passo è stato breve. Hanno una collezione di circa 300 giochi. Il topo di ludoteca è nato nella scatola di un gioco da tavolo, dove di notte si ritira per dormire. È molto curioso e ogni volta che vede un gioco nuovo gli fremono i baffi per la voglia di provarlo.