Recensioni

Ark Nova: Mondi sommersi – Recensione

Ark Nova è un gioco di selezione azione tramite carte in cui costruire zoo che siano al contempo attraenti per i visitatori e impegnati nel supporto di progetti di conservazione delle specie a rischio. Ideato da Mathias Wigge, Ark Nova è un gioco straordinario e in breve tempo è diventato uno dei preferiti di molti giocatori esperti appassionati di titoli complessi. Qui potete leggere la nostra recensione del gioco base. Oggi vi parliamo della prima espansione uscita per questo gioco, Ark Nova: Mondi sommersi, che aggiunge acquari e animali acquatici, ma anche molto altro. Continuate a leggere per saperne di più. Proprio come il gioco base, l’espansione è stata localizzata in Italia da Cranio Creations.

Ark Nova: Mondi sommersi – Cosa offre l’espansione

Nuove carte e recinti

L’espansione Ark Nova: Mondi sommersi aggiunge ben 63 carte al gioco base, con animali, esperti, e obiettivi legati al mondo acquatico. Pesci, tartarughe e vari altri tipi di creature arrivano a fare bella mostra di sé negli zoo dei giocatori e naturalmente hanno bisogno di un habitat specifico in cui vivere. vengono quindi inseriti nuovi recinti, gli acquari, disponibili un due dimensioni diverse (da 2 e da 5 caselle) e vanno ovviamente piazzati adiacenti almeno a uno spazio acqua sulla plancia, seguendo le altre consuete restrizioni di piazzamento. Gli acquari funzionano come la voliera e il rettilario: possono ospitare numerosi animali e vengono riempiti con cubetti in base alla dimensione della specie.

Ark Nova: Mondi sommersi

Le carte animale acquatico riportano l’indi­cazione 1-5 con la grandezza dell’animale, in modo da poterlo conteggiare per gli obiettivi legati ad animali grandi e piccoli, ma non fatevi confondere: questi animali non possono mai stare nei recinti classici. Alcuni animali acquatici presentano un’icona corallo con un effetto. Il beneficio indicato si ottiene appena la carta viere giocata e ogni volta che si gioca un’altra carta con un simbolo corallo.

LEGGI ANCHE...  Terraforming Mars: The dice game - Recensione

Altre carte, invece, presentano un’icona onda: quando vengono rivelate e piazzate sulla vetrina, fanno finire negli scarti la carta presente nel primo slot, movimentando maggiormente il flusso di carte disponibili.

Carte azione asimmetriche

Un altro elemento presente nell’espan­sione Ark Nova: Mondi sommersi sono quattro gruppi di carte azione con poteri asimmetrici tutti diversi. Se si desidera utilizzarle, si effettua un draft a inizio partita, in cui ogni giocatore ne riceve tre. Delle tre conservate, bisognerà poi scartarne una. Ciascuno avrà quindi tre carte azione ordinarie e due potenziate. Si tratta di venti carte in totale e non le abbiamo ancora provate tutte.

Ark Nova: Mondi sommersi 3

L’impressione generale è che qualcuna sia a prima vista un po’ più forte, ma non tale da portare a vincere o perdere la partita, anche perché gli effetti tendono a equilibrarsi: quelli più forti all’inizio divengono inutili dopo un certo tempo o scompaiono quando la carta viene migliorata. Ci sono vantaggi diversi che possono facilitare un po’ di più certi aspetti del gioco, ma con due carte su cinque è difficile che tali effetti squilibrino la partita, se i giocatori hanno tutti lo stesso livello di esperienza con il gioco. In ogni caso l’utilizzo non è obbligatorio e potete scegliere se usarle o meno per adattarvi alle preferenze del vostro gruppo di gioco.

Quarta università

Ark Nova: Mondi sommersi inserisce anche una quarta università, che offre un’icona animale a scelta che viene conteggiata per obiettivi, esperti, etc. C’è un unica tessera Università che viene piazzata sulla plancia Associazione. Quando viene presa, il giocatore sceglie tra le sei tessere Università che vengono tenute accanto alla plancia Associazione e che presentano un’icona animale (rettile, uccello, primate, predatore, erbivoro, animale acquatico), più un’icona microscopio. L’icona animale può essere utilizzata a ogni scopo (obiettivi, requisiti per giocare altre carte, conteggi per carte Esperto, maggioranza di simboli).

Materiale upgradato

Infine, nell’espansione i sette cubetti obiettivo dei giocatori vengono sostituiti a animeeple colorati, molto carini. Non si tratta di un elemento indispensabile, ma contribuiscono a dare un bel colpo d’occhio e un tocco di personalizzazione che si integrano bene nell’ambientazione.

Ark Nova: Mondi sommersi 2

I commenti del Topo di Ludoteca

Ark Nova: Mondi Sommersi è un’espansione molto valida che arricchisce il gioco di vari elementi nuovi. Gli animali marini hanno proprietà interessanti e sono corredati da Esperti e obiettivi che si integrano molto bene nel flusso del gioco. Le nuove carte sono sufficientemente numerose da comparire con buona frequenza e starà ai giocatori decidere su cosa puntare, in base agli obiettivi della partita e alla loro strategia. Considerando che si possono avere solo due acquari, uno grande e una piccolo, il numero di animali giocabili non è elevatissimo ma, come già saprete se conoscete in gioco, Ark Nova spesso premia la varietà, più che una specializzazione troppo accentuata, quindi il tutto si inserisce molto bene nell’esperienza di gioco complessiva.

Ark Nova: Mondi sommersi 4

Le carte con le onde fanno scorrere più rapidamente le carte nel display, cosa particolarmente utile in partite a due giocatori. Se è vero che qualche volta questo può farvi sfuggire una carta che vi serve, è anche vero che in un gioco che offre così tante strade possibili non sarà una singola carta a rovinare una partita ben giocata.

LEGGI ANCHE...  Trismegistus: la formula finale - Recensione

Per quanto riguarda le carte azione asimmetriche, a noi sono piaciute, pur essendo giocatori che in genere preferiscono la simmetria, se il gioco non nasce come titolo a fazioni asimmetriche fin dell’inizio. In questo caso, abbiamo trovato che le nuove carte danno piccoli vantaggi che possono semplificare un po’ la vita ai giocatori, in particolare nella prima parte della partita, ma che non sono così forti da doverne temere la presenza (è anche vero, però, che finora ne abbiamo provate solo alcune).

Il fatto di avere due carte asimmetriche su cinque fa sì che il gioco si mantenga bilanciato, perché il numero di volte in cui potrete utilizzarle sarà comunque sempre abbastanza limitato, e dovrete per forza concentrarvi su tutte le azioni, come di consueto, per giocare una buona partita. Si tratta, appunto, di piccoli facilitatori che possono sveltire un po’ il procedimento di inizio partita.

Ark Nova: Mondi sommersi 5

Ark Nova: Mondi sommersi inserisce anche la scelta di un’università nuova. Questo è un piccolo vantaggio che può aiutare a raggiungere prima un obiettivo, magari senza dover aspettare che esca una carta utile che sembra non arrivare mai. Anche qui, la questione è bilanciata bene: gli slot università sono sempre solo tre, quindi, se volete una di quelle nuove, dovrete decidere a quale delle altre rinunciare.

LEGGI ANCHE...  Galileo project - Recensione

Come avevo già detto nella recensione, Ark Non è un gioco in cui si percepisce l’ottimo lavoro di game design, per il buon bilanciamento ed equilibrio di tutti gli elementi che lo costituiscono. Lo stesso vale per l’espansione Ark Nova: Mondi sommersi. La cura nel bilanciamento dei vari aspetti si sente e l’esperienza di gioco ne risulta grandemente ampliata senza perdere i buoni equilibri del gioco base. Tra l’altro, i vari moduli sono tutti indipendenti, quindi potete inserirli tutti o solo alcuni che base ai vostri gusti. Complessivamente Ark Nova: Mondi sommersi è un’ottima espansione, di quelle che arricchiscono il gioco base senza stravolgerlo, ed è quindi vivamente consigliata per gli appassionati di Ark Nova.

Ark Nova: Mondi sommersi

9

Valutazione complessiva

9.0/10

Pro

  • Vari elementi da inserire anche separatamente
  • Rigiocabilità elevatissima
  • Espansione che amplia ma non altera l'eperienza di gioco

Barbara Parutto

Fin da bambina Barbara è stata una grande appassionata di giochi da tavolo ed è cresciuta con i classici degli anni '80 e '90. Con il suo compagno ha iniziato a giocare a Magic e da lì al loro primo boardgame il passo è stato breve. Hanno una collezione di circa 300 giochi. Il topo di ludoteca è nato nella scatola di un gioco da tavolo, dove di notte si ritira per dormire. È molto curioso e ogni volta che vede un gioco nuovo gli fremono i baffi per la voglia di provarlo.